lunedì 6 febbraio 2012

La fuga in Egitto

“Oddio, mò pure il delirio mistico!”
Tranquilli, giù il telefono.. niente 113 per adesso!
Sono ancora lucida. ( entro i miei limiti, ovvio )
La nostra casa è in vendita. Anni di sacrifici e risparmi per metterci il famoso tetto sopra la testa, rinunce e privazioni in nome della sicurezza del mattone e poi.. la crisi.
Mio marito è senza lavoro, il mio stipendio non basta per andare avanti, il mutuo incombe, le spese pure.
Pur conducendo una vita low cost, davvero ai minimi termini ( niente shopping, niente cinema, niente spese extra, dispensa intelligente, no agli sprechi ) dal mio stipendio vanno detratti il mutuo  ( ancora 6 anni ), le spese condominiali, le bollette gas e luce ( il telefono non ce l’ho ), € 5 di ricarica cellulare al mese ( benedetto il piano tariffario che “più ti chiamano più ti ricaricano”.. ma tanto da giugno/luglio la pacchia è finita, sappiatelo: la normativa europea  dice che non si può più fare, però non obbliga i gestori ad abbassare le tariffe perché sono carissime rispetto all’Europa! ) noi non ce la facciamo più.
Abbiamo dato fondo a tutti i risparmi, alle riserve, alle riserve delle riserve.
Passo le notti senza chiudere occhio, e nemmeno lui dorme.
Questo non è il momento di vendere, lo so, i prezzi sono bassissimi.
Questo è il momento degli sciacalli, degli speculatori, di quelli che la mattina comprano a 1 e la sera vendono a 1000 (il senatore Riccardo Conti docet..), certo non di quell’esercito di poveri cristi che ha risparmiato una vita per comprarsi un buco in cui vivere.
E giusto per infierire, la Regione Lombardia è tra quelle che non consentono l’autocertificazione energetica  in classe G, per cui tocca chiamare un architetto/ingegnere/geometra abilitato a redigere le certificazioni energetiche e, per la modica cifra di un 500 euro sonanti, farci certificare la classe G, visto che non abbiamo accorgimenti tecnici, energie solari, pareti intelligenti, ma solo un piccolo buco di casa degli anni ’70 che se no non ci bastavano i soldi per comprarla e che abbiamo ristrutturato col sudore del “fai da te”.
Se mio marito trovasse lavoro sarebbe diverso. Ma chi assume un extracomunitario 44enne?
Finora ha lavorato per conto suo, poi la crisi e, soprattutto, troppi furbetti hanno imparato che anche se non ti pagano possono cavarsela, tu non puoi mica fare causa per prenderti i tuoi sudati 500 euro e pagarne 2000 ad un avvocato! Eh si, funziona così. Bisogna chiamare qualcuno, farlo lavorare stando attentissimo a non anticipare troppo per i materiali, poi alla fine, quando bisogna chiudere i conti.. usare un bel “non ti pago, fammi causa”. L’operaio che fa, ti mena? Non può, se no vai nei casini lui. Se chiama la polizia gli rispondono che deve sporgere denuncia e iniziare una causa, ovviamente dopo aver emesso fattura e pagando anche l’IVA sulla beffa. Il furbetto lo sa e ti sorride certo di restare impunito!
Un’altra tecnica è quella di frammentare i lavori ovvero: bisogna chiamare la prima ditta, far cominciare il lavoro dando un minimo acconto; appena la ditta chiede (giustamente, perché deve comprare altro materiale) di versare altri soldi, bisogna tergiversare, prendere tempo, non rispondere al cellulare; la ditta al 99% smette di lavorare, il furbetto non la paga per quello che ha fatto ( tanto non può fare causa per pochi soldi ) e ne chiama un’altra e ricomincia da capo. Se la ditta non se ne va, il furbetto si presenta in cantiere e trova mille difetti inesistenti, comincia a litigare e la manda via, tanto non gli fa causa per pochi soldi. E così un lavoro per il quale avrebbe dovuto pagare 10.000 euro, alla fine gliene costa al massimo 2.000! Capito il trucco?
Se penso che abbiamo circa centomila euro e dico centomila in mano a questa gente di merda…
Ad ogni modo.. pace. Chiusa la ditta.
Se riusciremo a vendere la casa dovremo giocare ad incastro
1. Trovare un posto dove vivere per qualche mese
2. Organizzare il trasferimento nostro e dei pelosi
3. Chiudere con il mio lavoro
4. Chiudere con la banca

C’è da avere paura, ma ho più paura a restare qui.

11 commenti:

  1. Mi dispiace per il tuo momento difficile. Ti faccio un in bocca al lupo, per quanto possa servire. Anche mio cognato e` in proprio nel settore edile e in questo periodo ha meno lavoro, ma per ora va ancora bene...speriamo!
    eva

    RispondiElimina
  2. ciao Eva
    oggi sono un pò incazzata
    sarà che oggi vengono a vedere la casa e, se da un lato devo vendere, dall'altro mi fa male..
    tu in che zona vivi (se è lecito sapere)?
    qui a Milano lavorano solo le ditte grossissime, quelle che possono aspettare di essere pagate. tutti i piccoli crepano, chi prima e chi dopo stanno cedendo.

    RispondiElimina
  3. E' davvero tristissimo che il nostro paese sia ridotto così ed è una vergogna che ci sia gente che perde la casa perchè non riesce più a pagare il mutuo :(
    Purtroppo sono tanti i settori in ginocchio. Anch'io ho dovuto cambiare lavoro, proprio perchè il settore da cui provenivo (musica) non mi dava più garanzie.
    In bocca al lupo davvero! Suona ironico che dobbiate migrare in Egitto (in genere il flusso è al contrario) ma se ci sono prospettive migliori perchè no?

    RispondiElimina
  4. sono molto triste
    dovrei essere felice, le persone che sono venute oggi per vedere la mia casa torneranno mercoledì, è un buon segno se la rivedono.. però fa maledettamente male..
    mi viene solo da sorridere perchè da tempo vado dicendo che pian piano saremo noi a migrare in Africa..
    vabbè.. io giù posso ospitare, volendo!

    RispondiElimina
  5. Io abito in Trentino. Qui va meglio che da altre parti ma comunque la crisi si vede in alcuni lavori tipo l'edilizia.
    Capisco che vendere la casa sia un grande dolore, e` il nostro mondo.
    In Egitto, mi sembra di capire, avete una casa. Chissa` che belle cose vi portera` cambiara aria! ve lo auguro di cuore!
    eva

    RispondiElimina
  6. Ciao Eva
    in Egitto abbiamo una casa bellissima, anche quella frutto di sacrifici ma molto, molto meno perchè lì i costi sono inimmaginabili per noi che stiamo qui.
    avevamo progettato di andarcene da vecchi, questa è più una fuga che un trasferimento, ma va bene così..
    grazie e in bocca alupo anche a te
    :o)

    RispondiElimina
  7. Anche per me la decisione di trasferirmi in Usa, per quanto programmata, e' stata accelerata da una serie di difficolta' lavorative e di spese insostenibili, e la Svendita della casa e' stata il primo passo. Non sai quanto ti capisco.

    RispondiElimina
  8. Ciao Lucy
    grazie per il sostegno.
    non mi piace fuggire, non mi piace proprio.
    ma che alternative ci sono?
    :o(
    mi sento tanto profuga
    in questi anni ho cambiato tante di quelle città che certe volte non so manco dove sto..
    vabbè c'è di peggio
    un abbraccio

    p.s.
    non appena sarò in Egitto potremmo fare un post a 4 mani.. USA for Africa
    ahahahah

    RispondiElimina
  9. Ciao! non mi piace non mi piace non mipiace... mi ero persa questo post... :-(
    capsico rabbia e incazzatura.. mio fratello 28 anni ha aperto una carpenteria da solo, è bravo, molto bravo!:... ecco--- diciamo che oltre al mazzo e al mutuo mo sta pagando per 110.000 euro di insoluto di una grande azienda e ... deve dire grazie perche mamma e papa gli hanno prestato i soldi per uscirne nn ha dovuto chiudere e vive senza stipendio.. è giusto? NO NO NO! ... Oggi cmq son incazzata anche io!. Kiss. Scrivo poco ma piu ti leggo e piu ti sento vicina ..

    RispondiElimina
  10. Ps. ade hai indirizzo FB? mandami mail privata che ti do mio contatto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Michela carissima
      massima solidarietà con tuo fratello..
      .....................................................
      io ho un indirizzo Fb, vampirizzato dalle mie tenere rompine che lo usano per giocare a castleville. lì sono iscritta con il nome da "signorina" cioè Adelia Salerno ( El Wakil, per chi non lo sapesse, è da sposata ). la mia mail è comunque adeliaelwaki@gmail.com, quella pubblica.
      tieni conto che fino al 28 non posso ricaricare la mia chiavetta internet.. ehm.. sul mio c/c in questo momento ci sono 10 eurini e penso a tutto fuorchè alla chiavetta..
      però prima o poi ti rispondo anche su fb :o)
      un abbraccio forte
      Adelia

      Elimina

grazie per avermi letto
mi spiace perchè, a causa della maleducazione di qualcuno, ho dovuto fare in modo che non si possa commentare in modo anonimo e che il tuo commento possa apparire solo dopo la moderazione.
perdonami e grazie ancora per la pazienza!
Adelia