venerdì 31 agosto 2012

Sapevo che sarebbe successo!


Lo sapevo che prima o poi sarebbe successo!

Ah se lo sapevo.. ma speravo che succedesse un giorno in cui sarei stata un po’ più bendisposta nei confronti del mio prossimo.

E invece no, è successo stamattina che c’ho un diavolo per capello perché le ferie ( se di ferie possiamo parlare ) sono finite e devo rientrare in ufficio.
Stamattina, che mi son pure venute le mestruazioni puntuali come una cartella esattoriale alla faccia delle mie speranze..
Stamattina, che appena ho messo piede fuori casa con il Signor Bi s’è messo a piovere ( ecchecazz.. son due mesi che non piove.. aspettavi proprio me? )
Comunque..
Arrivo al parco col Signor Bi, esaltatissimo dalla pioggia e dalla frescura dopo mesi di afa asfissiante.
Premetto che il Signor Bi è sempre libero perché è un cane molto tranquillo e rispettoso che non si stacca dal mio fianco e che, in quasi 19 anni, non ha mai litigato con nessuno. Neppure i vigili mi dicono nulla, lo conoscono bene.
Stava giocando con il suo amico Mirò quando all’orizzonte è apparsa una donna con un guinzaglio.
Mah, mi sono detta, la gente ha strane abitudini. D’altro canto son stranuccia pure io, quindi perché preoccuparmi se una vuole portar fuori il suo cane immaginario?
Comunque, la signora col guinzaglio ci ordina – si, ci ordina! – di legare i cani.
E neanche per favore.
Abbozzo, chiamo il Signor Bi che immediatamente si costituisce con una faccia così contrita da far piangere ( per lui essere legato è un’offesa gravissima  e, giustamente, non capiva ) e cerco di capire cosa stesse urlando la signora col guinzaglio.
In genere i padroni di cani, quando non si conoscono, fanno sempre la stessa domanda ?” per capire se c’è rischio di un’eventuale rissa.
“E’ maschio o femmina
La signora col guinzaglio invece ci ha chiesto
“Sono vaccinati?”
Ok ho capito signora col guinzaglio, hai con te un cucciolo che non si vede nell’erba alta.. ma sappi che se lo lasci grufolare corre gli stessi rischi di gastroenteriti varie che correrebbe facendolo annusare dai suoi simili. E anche su questo dovrei aprire una parentesi ma non lo farò per la vostra gioia :o)

Dall’erba alta spunta un Beagle. Cominciate a capire? V’illuminate d’immenso?

La signora col guinzaglio, incurante del fatto che il suo beagle
“…che ancora non ha completato il ciclo di vaccini”
 si stesse ingozzando di tutte le schifezze che trovava nel prato, visto che non accennavamo a chiedere nulla s’è sentita in dovere di precisare
“E’ un cucciolo di Grenelle…” e fa un broncio fragolino a metà fra il rattristato ed il furbetto in attesa di ricevere tutta la solidarietà che secondo lei le spetta di diritto..

E  lo sapevo!!!

Ora, io non ho nulla contro i cuccioli di Green Hill, mi fa solo incazzare da morire il fatto che migliaia di cani languono nei canili per anni e nessuno li adotta perché non hanno il pedigree, non sono di razza, non sono cuccioli, non sono famosi. Quanti appelli per canili sull’orlo del collasso, per cani disperati, feriti, malati, condannati a morte sono rimasti inascoltati?

Per i cuccioli di Green Hill ci sono state migliaia di richieste di adozione. Migliaia di famiglie che improvvisamente hanno sentito l’esigenza impellente di avere un cane.

Purchè cucciolo, di razza e famoso.
Più richieste che cani! Mai vista una roba simile!
Scusate la stronzaggine: quanta voglia di riconoscimento sociale c’è dietro queste adozioni?
Quanto ha pesato il desiderio di essere riconosciuti come benefattori della caninità nell’essersi portati a casa un beagle di Green Hill?
Quanti di quelli che il beagle se lo sono comprati diranno che, invece, è stato adottato?
No, signora col guinzaglio, non ti dirò che sei stata tanto brava e generosa a prenderti un cucciolo di Green Hill. Lo saresti stata altrettanto, se non di più, se tu avessi portato a casa un meticcio sconosciuto col pedigree in bianco perché volevi dare e ricevere amore e non incassare complimenti che ti alzano l’autostima. Per quello sappi c’è il parrucchiere o la commessa della boutique. Oppure i gigolò, per casi gravi.
Quando l’eco della notizia non sarà più udibile, quando le luci della ribalta si spegneranno ed il sipario si chiuderà..
che ne farai del beagle di Grenelle? Improvvisamente ti renderai conto che non ti serve più come accessorio fashion, che c’ha un sacco di comportamenti strani ( ad es. fa la cacca e la pipì e vuole essere portato fuori almeno 3 volte al giorno ) e lo riporterai a qualche associazione?
Spero di no, ma non per te che non me ne frega niente.
Per il cucciolo.

p.s.

notizia dell'ultim'ora.. 
la restituzione è già cominciata!
con le scuse più fantasiose ed una crudissima spiegazione: 
non volevano un cane, volevano uno status symbol!

5 commenti:

  1. Io ste cose non le posso sentire, proprio mi viene l'orticaria e sarei capace di prendere amazzate la signora il giorno pari e quello dispari, pure. Vuol dire che non hai la briciola di un cervello, che non hai la più pallida idea cosa vuol dire prendersi cura di un essere, umano e no, che dovrebbero mettere un timbro sulla carta d'identità delle persone che riportano gli animali indietro o li abbandonano e tradirli, offenderli, farli morire da soli, perchè soli devono rimanere.
    Poche cose mi scatenano la rabbia come il maltrattamento degli animali.
    Raffaella

    RispondiElimina
  2. Quoto Raffaella (siamo sulla stessa frequenza canina). Un bacio a te, Adelia, e anche a te, Raffaella, dal lento treno verso sud, fra pioggia e odore di ferro.

    RispondiElimina
  3. si si si sono con Raffaella e Clara. Però vorrei aggiungere che nello schifo di situazione hai scritto proprio un gran bel post divertente. I cani invisibili e poi Grenelle. uuauhhhhhhhhhh Sandra Ilaria frollini

    RispondiElimina
  4. ma come sarebbe lo restituiscono?
    mi si stringe il cuore e diventa piccolo piccolo.
    Stamattina ho aperto uno spazio per il mio Hope, che è di razza, ma a me lo hanno regalato poco prima di decidere di cercare un cucciolo in un canile. Non lo avrei potuto nè voluto comprare, mi sembra assurdo!
    Hope ci serve, tu lo sai, per accompagnarci durante questo cammino difficilissimo, e perchè la nostra gatta Ema ci snobbava ormai allegramente da mesi. E per questo saremo sempre in debito con lui, perchè con la sua vita ci regala amore, e noi ne approfittiamo, amandolo incondizionatamente.

    un bacino al Signor Bi.

    RispondiElimina
  5. ciao scusate ma ho la connessione che fa le bizze
    questo piccolo non è stato restituito, molti altri si.
    la "signora" l'ho rivista stamattina
    m'è stata alla larga
    ma la tengo d'occhio..

    RispondiElimina

grazie per avermi letto
mi spiace perchè, a causa della maleducazione di qualcuno, ho dovuto fare in modo che non si possa commentare in modo anonimo e che il tuo commento possa apparire solo dopo la moderazione.
perdonami e grazie ancora per la pazienza!
Adelia