venerdì 12 ottobre 2012

Ognuno sul suo cuor l'altrui misura.


Era nell’aria già da un po’.
Me lo sentivo che prima o poi sarebbe successo, e difatti..

Eravamo tra colleghe e si parlava dei nuovi tagli, della fatica di arrivare a fine mese, del ticket che c’hanno ridotto, del contratto bloccato, della mancata erogazione di indennità di vacanza contrattuale ecc., dell'aumento dell'IVA..

Io, come sapete, faccio i salti mortali perché Abdelsalam lavora e non lavora per via della crisi.
Non mi vergogno a dire che viviamo con circa 400 euro al mese, quello che la banca mi lascia dopo essersi  ciucciata il mio lauto stipendio di 1200 euro circa.

Nel mio piccolo, però, mi sono sempre tenuta bene a mente che ci sono persone ancora più povere di me. 

Fin quando Abdelsalam ha lavorato costantemente non c’erano problemi, ho sempre aiutato come potevo.

Da quando c’è questa crisi mi sono dedicata a creare delle cose che avessero un mercato – forzando la mia natura schiva ed il mio gusto personale – ed ho messo in vendita le mie creazioni al solo scopo di ricavarne soldini e continuare gli impegni che mi ero presa, più varie ed eventuali. 
Chi mi conosce lo sa. Chi non lo sa non è tenuto a saperlo.

Ad ogni modo, una collega mi fa

“e certo che tu con quello che vendi dicendo che lo fai per aiutare chi ha bisogno in realtà hai un bel gruzzoletto in più..”

E lì, mi spiace, ho dato di matto.

  1.  Innanzitutto il “bel gruzzoletto” non arriva a 50 euro al mese. Le entrate e le uscite sono tracciabili. Tanto entra tanto esce. Con tanto di causale del bonifico.
  2.  Io non ho mai detto che con i soldi faccio questo o quello. È girata voce perché chi mi conosce davvero sa quello che faccio nella mia vita privata  e quindi lo ha detto in giro.
  3.  Non ho mai preso soldi senza dare nulla in cambio. E quello che ho dato, se comprato in un negozio, sarebbe costato 10 volte di più. E comunque è frutto della mia fatica, della mia inventiva, della mia manualità. Che sono cose che gli artisti, quando possono, giustamente si fanno pagare. Io no, ci rimetto pure parte dei materiali ( ad es. colla e colori ).
  4. Quelli che hanno comprato qualcosa di mio l’han fatto perché hanno ritenuto fosse bello e non perché sapevano quello che avrei fatto io con i soldi. Non c’è inganno né coercizione. Forse che quando vanno dal salumiere chiedono conto di come spenderà il ricavato? Magari si compra coca o va a puttane, chi può saperlo? Il fatto è che uno fa la spesa e prende quello che gli serve punto. Se no molte multinazionali, e pure parecchi negozi, chiuderebbero i battenti per lo schifo che fanno (e sarebbe pure ora che chiudessero!)
quindi... chettefrega?????

Capisco che aiutare gli altri è un concetto difficile da elaborare per chi è abituato a farsi solo i fatti propri. Io non faccio beneficenza. Non lo faccio per sentirmi buona. Non voglio conquistarmi un posto in paradiso. Non mi interessa il riconoscimento sociale.
Lo faccio perché credo fermamente che 
tutti noi abbiamo il diritto di vivere dignitosamente e che sia un dovere morale condividere.

Io non conosco altro modo, mi spiace. Che se ne facciano una ragione.

E, visto che ci sono e che ho cambiato il look al blog, adesso ce lo scrivo pure che la creatività fa bene. E vaff………….

6 commenti:

  1. Mi stupisce sempre che la gente parli per niente e sporchi così intenzioni che nemmeno conosce. Hai tutta la mia solidarietà.
    Che mondo orribile, a volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara
      adesso che la rabbia è sbollita mi resta la tristezza
      di pensare che al mondo c'è gente così!

      Elimina
  2. Adelia scusa se arrivo in ritardo su questo tuo post.
    Io sono una di quelle che da te ha comprato e che se può ti fa pubblicità, primo per la bellezza dei tuoi oggetti e secondo (ma non meno importante) perchè quando ho saputo cosa facevi con il ricavato della vendita, mi è sembrato assurdo non farlo sapere.
    Ma tu sei una persona umile e generosa e mi hai spiegato che la gente non avrebbe capito.
    Avevi ragione.
    La gente deve sempre e cmq vedere il marcio nelle cose e questo mi fa schifo.
    Raramente ho incontrato persone così tanto altruiste...
    Tu che mi hai offerto un contributo pure per fare la mia PMA!
    Nessun mio amico lo ha fatto, a parte i miei fratelli!!!
    Io sono rimasta sconvolta da questo e sono sconvolta ora che qualcuno possa pensare che c'è dell'altro sotto.
    Questa gente, lo ribadisco, FA SCHIFO.
    Tu continua come sei, bella e piena di amore da dare.
    E' una ruota Adelia, torna tutto, vedrai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Annina
      grazie per il tuo affetto.
      la mia ricompensa è potermi svegliare la mattina col torcicollo perchè ho dormito con le mostrille
      condividere la cena, che sia un pezzo di frittata o un'insalata non importa
      sapere che qualcuno dormirà al caldo.
      questo mi fa stare bene.
      quanto a noi.. te l'ho detto..
      ci tengo a diventare zia :o)
      un abbraccio

      Adelia

      Elimina
  3. Cara Adelia, leggo solo ora. Mi scoccia molto, moltissimo che qualcuno possa pensare questo di te, che possa osare pensarlo. La gente è idiota, purtroppo.
    Io ti adoro, se può contare e la tua generosità straripa dallo schermo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...scappiamo insieme
      a sud :o)

      baci

      Adelia

      Elimina

grazie per avermi letto
mi spiace perchè, a causa della maleducazione di qualcuno, ho dovuto fare in modo che non si possa commentare in modo anonimo e che il tuo commento possa apparire solo dopo la moderazione.
perdonami e grazie ancora per la pazienza!
Adelia