venerdì 15 febbraio 2013

Zapatos rojos

.. ho ballato per tutte noi




ZAPATOS ROJOS A MILANO

"L’artista messicana Elina Chauvet ha presentato nel 2009  “Zapatos Rojos”, una lunga fila composta da centinai di scarpe rosse, negli stati del Messico e del Texas. E’ in questi giorni in Italia. L’installazione di scarpe, raccolte tra amiche e conoscenti attraverso il passaparola, rappresenta le donne vittime di violenza in tutto il mondo. Una rete di solidarietà attivata attraverso un’opera d’arte pubblica che l’artista intende sviluppare in tutto il mondo, per dire basta alla violenza contro le donne.

189 paesi nel mondo, oltre 70 città in Italia, 13mila organizzazioni femminili coinvolte, e milioni di donne e uomini che hanno aderito, dal Bangladesh a Roma, dal Dalai Lama alla pacifista Vandana Shiva, da Yoko Ono a Robert Redford, da Charlize Therona Anna Hathaway…
Si stima che il 14 febbraio saranno un miliardo: donne e uomini insieme a ballare nelle piazze e nelle strade del mondo per

One billion rising, il flash mob planetario contro la violenza sulle donne,
la prima iniziativa mondiale per affermare il diritto alla vita e alla dignità delle donne, anche in paesi come l'Italia dove, nel 2012, ne sono state uccise 127 per mano maschile.

Cosa accadrà esattamente il 14 febbraio?
«L'invito è di ballare in strada, in piazza o dove si vuole.
In Italia, a Roma dalle 18.30 lo si farà alla Casa Internazionale delle Donne e in piazza del Popolo,
a Milano in galleria Vittorio Emanuele ore 18.30

Ogni città si sta organizzando con la sua creatività.
In Butan dove andare per strada è illegale, le donne accenderanno le lampade».
Più siamo e più la nostra testimonianza sarà efficace. "

10 commenti:

  1. avevo letto da qualche parte di questa iniziativa e mi era sembrata bellissima.
    Ti immagino danzare per le altre.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è stato bellissimo e non mi sono vergognata neanche un pò
      il che è tutto dire :o)

      Elimina
  2. Bello!
    Io non sono andata, qui lo facevano ad orario improponibboli.
    Com'è stato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissimo
      eravamo tante
      e di tutte le età
      anche qualche maschietto :o)

      ma la cosa più bella è stata vedere Abdelsalam, che mi aspettava a casa, con una sciarpa rossa
      chiedermi scusa
      a nome di tutti quelli che non lo hanno mai fatto

      Elimina
  3. ho danzato con voi insieme a mio figlio malaticcio da casa ed era come se fossimo tutte insieme, con l'obiettivo di insegnare ogni giorno il vero amore e rispetto al mio piccolo uomo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. so che il tuo piccolo uomo crescerà
      consapevole
      del valore delle donne :o)

      Elimina
  4. Risposte
    1. .. ho danzato anche con le nostre figlie ..

      Elimina
  5. Anche qui One Billion Rising. Un bacio!

    RispondiElimina

grazie per avermi letto
mi spiace perchè, a causa della maleducazione di qualcuno, ho dovuto fare in modo che non si possa commentare in modo anonimo e che il tuo commento possa apparire solo dopo la moderazione.
perdonami e grazie ancora per la pazienza!
Adelia