sabato 13 aprile 2013

Fulgidi esempi di amore parentale...

Non passa giorno che non si legga di qualche bambino abbandonato in un cassonetto della spazzatura, in un water di un locale pubblico, in un'aiuola di un autogrill.
O di genitori che picchiano i figli fino ad ucciderli fisicamente, o annientarli mentalmente.
O di abusi sessuali.
Non cederò alla retorica del
"ma come, io non ho figli e il Padreterno - o chi per lui - manda figli a 'sta gente di merda?"
e non accetto neppure la retorica becero/religiosa
"E' la volontà di Dio!"
che è la traduzione verbale politically correct di questo pensiero:
"Siccome non so che cazzo risponderti tiro fuori, per l'appunto, il Deus ex machina per un colpo di scena ad effetto!"
E chi sei, tu, piccolo parassita umanoide, per contestare la volontà di Dio?
Nessuno, appunto.
Stacce, a chi tocca nun s'ingrugna..

Dei miei personali rapporti con la mia famiglia d'origine ho parlato in più occasioni.

http://dissonanzeassonnate.blogspot.it/2011/12/il-natale-delle-pecore-nere.html 
http://dissonanzeassonnate.blogspot.it/2012/09/a-ruota-libera.html
http://dissonanzeassonnate.blogspot.it/2012/10/mamma-ragno.html
http://dissonanzeassonnate.blogspot.it/2012/10/lasciami-qui-lasciami-stare-lasciami.html
http://dissonanzeassonnate.blogspot.it/2012/10/e-forse-questa-la-vecchiaia-una.html


Si sopravvive, in qualche modo. Ovvio. Cerchi di farti una ragione, di trovare una spiegazione dove spiegazione non c'è.

A volte mi prende la rabbia, e penso che il padre di Erika, la ragazza che assieme al fidanzatino uccise sua madre e suo fratello, non ha mai abbandonato sua figlia e quando è uscita dal carcere se l'è portata a casa. Eppure, umanamente, avrebbe avuto tutti il diritto di odiarla.
Ma tant'è. E' sua figlia.

Tutto questo sproloquio per arrivare a questo:

Una splendida familiola ultrareligiosa del South Carolina ha deciso di dare in adozione la figlia di 16 anni.
Motivi economici? NO.
E' una psicopatica sanguinaria che ha tentato di sterminarli? NO.
Hanno scoperto che c'è stato uno scambio in ospedale e non è figlia loro? NO.
April Chadwell, 16 anni, ha avuto il coraggio di dichiarare la propria omosessualità in un contesto nel quale sapeva che non sarebbe stata accettata facilmente. Certo non si aspettava rose e fiori, ma certamente si fidava delle persone che l'avevano messa al mondo. Perchè se non puoi fidarti del sangue del tuo sangue di chi ti puoi fidare? Quello che la piccola April non si aspettava è che l'amore di un genitore dipendesse dall'orientamento sessuale.
April è stata affidata allo Stato perchè i suoi genitori, profondamente sconvolti dalla rivelazione della figlia, hanno ritenuto impossibile continuare ad educarla ed a prendersene cura perchè profondamente convinti che l'omosessualità sia un abominio. Il tutto, ovviamente, dopo essersi consigliati con i fedeli della chiesa locale ed averne ottenuto supporto, conforto e approvazione.

Ecco.

Mi direte: embè? quante famiglie cacciano i figli di casa per lo stesso motivo? Verissimo, ne conosco tanti e a tanti ho dato rifugio e conforto, non solo morale.

Ma questo è un passo in più: si sono rivolti allo Stato per allontanare un figlio che non gli piace.
A quando la messa in adozione di un figlio perchè ha le gambe storte, o i peli superflui, o un timbro di voce che non ci piace?

(Finora sapevo solo di neonati disabili lasciati in adozione da genitori VIGLIACCHI che non si sono presi la responsabilità di scegliere l'aborto quando hanno saputo dall'amniocentesi che non era sano ( perchè abortire è peccato, perchè cazzo ne so, ma non l'hanno fatto ) e poi non è peccato abbandonarlo in ospedale.. )

Ma i figli non dovrebbero essere figli sempre e comunque, anche quando non ci somigliano, anche quando ci fanno incazzare, anche quando fanno il contrario di quello che vorremmo?
Il nostro compito non è quello di crescerli, supportarli, amarli, e star loro ancora più vicino quando sappiamo che stanno sbagliando perchè è il momento più rischioso e dovremmo essere pronti a prenderli al volo, a non farli sbattere col muso a terra?

Ora, io so che per molti l'omosessualità rappresenta ancora un problema, ma conosco famiglie che si sono rimboccate le maniche e si sono documentate, si sono fatte aiutare, hanno cercato di capire e alla fine hanno capito.

Ora, io spero che il giudice dichiari April adottabile.
Per indegnità dei suoi genitori.



P.S.
Nonno mio diceva sempre che, dopo la morte, diventano tutti 
"Uomini probi" e "Madri amorevolissime".
Questo perchè, quando andavamo al cimitero, conoscendo ad uno ad uno i defunti si rendeva conto che non sempre gli epitaffi e le croci in pompa magna corrispondevano effettivamente alle azioni in vita del personaggio in questione.
A questi che gli scriveranno?


P.S. 2

A quanto pare, come ha scoperto la mia cara Elle, la notizia non è vera.
Restano purtroppo vere le indegnità di molti genitori....
Ho amici che sono stati addirittura esorcizzati..




12 commenti:

  1. Cara Adelia, c'è chi ce l'ha coi figli per molto meno e chi li ama per molto di più.
    Come ho avuto modo di dire varie volte il fatto che ci si POSSA riprodurre, non implica che si DEBBA per forza farlo.
    Ed in effetti, come (giustamente) indagano profondamente prima di dichiarare una coppia idonea all'adozione, dovrebbero farlo anche prima di slegare certe tube.
    In ogni caso concordo, allontanarsi da tale famiglia sarà solo di beneficio per la ragazzina di cui parli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo so, lo so..
      ma se riesci a riprodurti da sola mica ti fanno tante domande..
      e poi - fortunatamente non sempre - vengono fuori questi disastri..
      sarà la volontà di dio, evidentemente..

      Elimina
    2. Secondo me Dio è distratto ultimamente....

      Elimina
  2. La faccenda mi ha incuriosito e sono andata a spulciare in giro.
    Sembrerebbe una bufala:
    qui un link.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno male che è una bufala, anche se le considerazioni sulla grettezza e l'indegnità di certi genitori resta, purtroppo, reale.
      grazie per la segnalazione
      a me l'ha girato un amico che, solitamente, non manda in giro bufale, quindi mi sono fidata.
      bacio
      Adelia

      Elimina
  3. Essere genitori è davvero difficile, ci sono momenti no, momenti in cui ti sentì una merda anche solo per aver detto una parola brutta, ma mai mai rinunciare al l'impegno che ci si mette nel crescerli soprattutto quando ci sono momenti difficili , è triste sentire certe cose :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è sempre triste non riuscire a essere umani

      Elimina
  4. Ciao Arrivo dal blog di Lucy poichè anche se in termini diversi abbiamo parlato del rifiuto della genitorialità. Mi sono incuriosita ed eccomi qua. Ho letto qualcosa qua e in là e ho deciso che dovevo essere una tua follower, spero non ti dispiaccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Antonella e benvenuta.
      perchè dovrebbe dispiacermi?
      qui sono benvenuti tutti
      purchè rispettosi e sinceri :o)

      fai un giretto anche sul mio blog creativo, se ti va :o)

      Elimina
  5. La vicenda che racconti capita proprio in questo periodo, in cui in Francia gli amici gay stanno festeggiando poiché potranno sposarsi e adottare bambini (e presto molti italiani varcheranno il confine alpino per coronare il loro sogno... un po' come avviene per l'e(s)terologa, insomma). Spero comunque che la storia che hai descritto in questo post sia davvero una bufala, anche se non mi stupirei certo del contrario. Alla grettezza dell'umana specie non c'è mai fine!
    PS E che dire della tristissima vicenda del piccolo Jason di soli 2 mesi? Ucciso dal padre perchè secondo lui non era figlio suo. La coppia di mentecatti aveva altri 2 figli che alla fine (ma proprio alla fine alla fine eh) gli assistenti sociali gli hanno tolto (troppo tardi) per maltrattamenti. Ma quando quell'infame resta incinta del piccolo, suo 3° figlio, gli assistenti sociali dov'erano? Glielo lasciano per 2 mesi dalla nascita e alla fine (come dovevano immaginarsi tutti) il bimbo viene ucciso e scaraventato giù da una rupe. A parte questi 2 individui che spero che brucino all'inferno, ma come mai gli assistenti sociali talvolta negano l'idoneità all'adozione a chi invece la meriterebbe, tolgono i bambini a volte senza motivo a gente per bene e li lascia in balia di queste testine di c***o?? Concordo con PdC: dovrebbero verificare l'idoneità anche PRIMA di slegare certe tube.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara
      che sia una bufala può essere, anche se generalmente anche le bufale hanno una base di verità. magari davvero qualcuno ha provato a far adottare il figlio per questo motivo, così come c'è qualcuno che intenta cause allucinanti ( ricordo di aver letto di una signora che fece causa perchè il caffè era troppo caldo.. ) o di brevettare le cose più assurde ( la parola Dio.. )
      e come sai l'animo umano è talmente abietto, quando vuole, da superare di gran lunga la fantasia..

      Elimina
  6. Venerdì mi hanno invitata a partecipare alla presentazione ufficiale di un'Associazione nella mia città di LGBT (Lesbiche, Gay, Bisssessuali,Transessuali. C'erano autorità politiche, Medici, Associazioni di volontariato. L'associazione ESedomani Terni si occupa di diritti civili e vuole integrarsi nella realtà locale. Mi hanno invitata per parlared del libro, di un diritto lontano per loro, di civiltà. E' stato molto bello. Nella mia città su 107 mila abitanti ci sono 160 malati di hiv, di cui il 60%eterossessuale,( prevalentemente donne contagiate dai mariti) e un piccola prcentuale gay che ancora non fa outing per paura di essere relegati agli angoli del mondo. Rendiamoci conto. Rendiamoci che si può partorire in maniera anonima senza gettare i figli come fossero spazzatura, che diventare madri/padri non te lo obbliga il medico, che esistono i contraccettivi.
    Raffaella

    RispondiElimina

grazie per avermi letto
mi spiace perchè, a causa della maleducazione di qualcuno, ho dovuto fare in modo che non si possa commentare in modo anonimo e che il tuo commento possa apparire solo dopo la moderazione.
perdonami e grazie ancora per la pazienza!
Adelia