giovedì 23 maggio 2013

Mioclonie


Sono settimane ormai che la palpebra dell’occhio sinistro trema e si contrae.
Nulla di grave, ma è fastidioso e a volte imbarazzante perchè lo notano anche gli altri.
Leggo su internet che si tratta di stress
Che non c’è nulla da fare
Solo riposare e calmarsi.
Si..
Forse con una martellata in testa….

La mia casa è piena di scatoloni
Le mie mostrille andranno via fra poco
Mi fanno domande
Cui mi sforzo di rispondere mentendo
Perché non lo so
Non ho risposte

Ieri la mia collega, quella dell’acquerello di Claudio Baglioni, mi ha portato non una ma ben due provole calabresi. Sono quasi due anni ormai che almeno una volta al mese ce la regala.
“Sono due stavolta… poi in Egitto non le troveranno..”
Così m’ha detto, e aveva le lacrime anche lei.
Una provola l’abbiamo cominciata ieri sera, l’altra se la porteranno in Egitto così la faranno assaggiare anche ai nuovi fratelli ed al nuovo papà.
Poi faremo l'ultima pipizza. Nemmeno quella si può spedire.
Continuerò ad aiutarle economicamente, non ho messo da parte abbastanza soldi, purtroppo.
Ma non potrò spedire provola e pipizza.
Hanan è preoccupata e fa domande a mitraglietta.
Samira ha le parole inceppate e lo sguardo appannato.
Le gemelline Nadia e Nada cinguettano inconsapevoli.

Datemi una martellata in testa, per favore.

21 commenti:

  1. E' stress, si'. In alcuni casi aggressivita' che non trova un canale adeguato per esprimersi :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, infatti io la mamma delle mostrille la strozzerei volentieri
      ma non posso...

      Elimina
  2. A me è capitato, fastidiosissimo.
    Tenevo tanto (troppo?) dentro, esprimersi fa bene.

    Cerca un modo per spiegare loro, quello che puoi, coi dovuti modi, ma spiega. Per loro, per te.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho spiegato che la loro mamma decide sempre e comunque per il loro bene.
      ma come posso spiegare a Samira, che adora la scuola, che al massimo frequenterà la madrassa perchè nel paesino sperduto dove vanno non ci sono le scuole cui è abituata.
      come posso spiegare che, anche se non le piace, non può tornare da me?
      come posso spiegare che io non posso proteggerle perchè la legge non me lo consente (e comunque hanno una madre e la devo rispettare)?

      Elimina
    2. Non ho risposte ahimé ma tante altre domande. Anche le bimbe avranno tante domande.
      Ti abbraccio e vi penso

      Elimina
  3. e invece ti mando un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, perchè tu non puoi fare sforzi..

      Elimina
  4. Una martellata no. Ti abbraccio che è meglio...
    Simo

    RispondiElimina
  5. :((((
    un abbraccione e un pungibal...

    RispondiElimina
  6. Una martellata no, ma un abbraccio e una spalla su cu riposare, si. Quando vuoi.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una martellata piccola, per favore... poi mi appoggio

      Elimina
    2. io ti do una martellata, un abbraccio, una spalla e una marea di baci

      Elimina
    3. ecco brava
      la martellata è propedeutica

      Elimina
  7. Leggo ora..quel poco che riesco ad intuire non mi piace. Mi dispiace Adelia. ..un abbraccio anche se mi pare tanto poco.

    RispondiElimina
  8. martellata.
    ma per il fastidio all'occhio!
    magari lo spavento te lo fa passare...
    il resto, infinitamente arrabbiata e addolorata per la decisione presa per le mostrille...mi dispiace tanto per loro...
    io spero che appena possibile per loro, da grandi, potranno tornare da te un giorno e sorriderti.

    RispondiElimina
  9. Sono stata lontana dal web ultimamente e leggo solo ora.Avevo sperato che restassero qui sai? Nonostante il papà e i fratellini che le aspettano in Egitto. Spero anch'io che possiate trovare il modo di rivedervi presto. Di sicuro sarete sempre nei loro pensieri.

    RispondiElimina

grazie per avermi letto
mi spiace perchè, a causa della maleducazione di qualcuno, ho dovuto fare in modo che non si possa commentare in modo anonimo e che il tuo commento possa apparire solo dopo la moderazione.
perdonami e grazie ancora per la pazienza!
Adelia