mercoledì 17 luglio 2013

E' successo di nuovo...

Ecco
È successo di nuovo.
Malgrado tutto.
Malgrado la tana, gli aculei e la sofferenza.
Malgrado il compleanno che si avvicina e la possibilità di essere madre che si allontana.
Malgrado il sangue ed il mal di pancia.


Sono innamorata.

Ieri sera ero in un parchetto a Baggio, uno di quei parchetti spelacchiati dove difficilmente trovi bambini perché non ci sono giostrine o fontanelle.

Io ed il Signor Bi ce ne stavamo tranquilli su una panchina a prendere il fresco, lui sdraiato addosso a me col capoccione sulle mie gambe e la coda a mulinello per via dei grattini che gli faccio continuamente.

Eravamo lì, cercavamo squali nel cielo e formiche in terra, quando mi si avvicina un topolino tutto denti da latte e treccine impertinenti.
Che io i bambini li attiro, saranno i capelli, e il Signor Bi aiuta..
Trotterella sicura verso di noi e si piazza sulla panchina ad impastare il Signor Bi ed a baciarlo sul naso. Nel frattempo mi ha raccontato vita morte e miracoli.
In 3 secondi ho saputo che si chiama Gioia, che ha 4 anni ed un fratellino di nome Gino che è più grande di lei ma ha 4 anni ed è suo gemello ( sic.. ma è più grande di lei, forse di stazza ), che ha un gatto che è un po’ giallo ( ma secondo il succitato fratello è un po’ nero ), che la sua mamma si chiama Jasmin e il suo papà Nadir, che il succitato gemello è cattivo e le fa male allora lei va dal papà e papà dice “Gino fai il bravo, rispetta tua sorella” ma Gino sta buono 5 minuti e poi le fa male di nuovo. Che sempre il suddetto fratello ( che nel frattempo vandalizzava il suo triciclo malgrado i rimproveri della mamma che, intanto, si era seduta pure lei ) le ha strappato le ali della Winx e la maglietta di Topolino.
Un fiume di parole e le guanciotte con i buchi, le treccine ballerine e le manine a farfallina che impastavano il Signor Bi.
Poi mi ha chiesto se andavo a scuola ( lo prenderò come un complimento ) che lei si va all’asilo ma adesso è chiuso e la sua maestra si chiama Anna e le sta simpatica mentre l’altra maestra che si chiama Rosa no perché strilla. E blablabla di tutto e di più.
Io non riuscivo a smettere di ascoltarla, affascinata dagli occhioni neri neri come le olive.
Poi mi ha chiesto
“Dove vai in vacanza?”
Le ho risposto che non ci vado, resto qui.
“E tu dove vai in vacanza, vai in Egitto?”
“No.. io vado all’Esselunga!”

Ed ecco.. io.. sono innamorata.
Abbiamo appuntamento stasera, alle 20,30.
“E vieni, eh!” ( sventolando l’indice )

Ci sarò.

21 commenti:

  1. Ma che tenerezza Adelia..... avrei voluto tanto avere una mamma come te :***

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. TesorAAAAAA....Perdona l'autoesaltazione, ma ero una bambina deliziosa :)

      Elimina
    2. ti avrei amata anche se brutta :o)

      Elimina
  3. come si fa la faccia un po' imbambolata con l'espressione ebete dalla tenerezza?

    ecco, sono io in questo momento

    RispondiElimina
  4. adoro questa storia d'amore.
    limpida e perfetta.

    vorrei scrivere un post sulle mamme di oggi, quelle che chiamano "nani" i loro figli e postano le loro foto su facebook e poi di donne come te, che rispettano le persone per come sono, che esse siano piccole di età o grandi di cuore. Grandi come il tuo.

    Ce la racconti come è andato il nuovo appuntamento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ognuno è fatto a modo suo, lo sappiamo.
      io non posterei mai foto di bambini - nè miei nè altrui - per rispetto.
      all'appuntamento ci sono andata, ovviamente, ed è stato bellissimo
      mi sono fatta portare la winx, giusto per avere le misure per la sorpresa che sto preparando :o)

      Elimina
  5. Bellissimo..chi non s'innamorerebbe di un topino così? Io ne ho uno che ogni volta che la sua mamma viene in ufficio, non va via prima di avermi abbracciato e baciato!!Amoreee..mi sciolgo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello che si possano portare bimbi in ufficio. qui quando capita che ne debbano portare uno lo tengono nascosto nemmeno fossimo in un lager nazista
      visto che il dirigente, oltre ad essere antipatico, misogeno e misantropo, detesta i bambini ed ogni manifestazione di allegria. :o(

      Elimina
  6. <3
    anch'io li amo...e di solito è reciproco.
    sono meravigliosi.
    che bell'aria fresca e profumata che sanno portare con loro.
    sono felice per questo incontro.

    sei andata all'appuntamento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sisis sono andata
      adesso vi racconto!
      Gioia profuma di erba e saponetta :o)

      Elimina
  7. Raccontaci l'incontro...
    Raffaella

    RispondiElimina
  8. Meraviglia! La vacanza all'Esselunga è proprio bella! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Ho il cuore leggero a leggerti così :)

    RispondiElimina
  10. Fantastica ricorda la mia piccoletta che approccia tutti :)

    RispondiElimina

grazie per avermi letto
mi spiace perchè, a causa della maleducazione di qualcuno, ho dovuto fare in modo che non si possa commentare in modo anonimo e che il tuo commento possa apparire solo dopo la moderazione.
perdonami e grazie ancora per la pazienza!
Adelia